Google Chrome segnalerà agli utenti come non sicure tutte le pagine con protocollo Http

  • -

Google Chrome segnalerà agli utenti come non sicure tutte le pagine con protocollo Http

La sicurezza informatica è uno degli aspetti in assoluto più importanti quando si parla di internet, in particolare laddove si chiede agli utenti di inserire nelle pagine web delle informazioni riservate e personali. E’ per questo che, da alcuni anni, ha preso piede lo standard https, uno standard che identifica le pagine web come sicure rispetto alle vecchie http. la differenza fondamentale è che un sito https è criptato, ovvero dall’esterno non si possono conoscere le informazioni che passano, a differenza delle pagine http in cui, invece, le informazioni passano in chiaro.

Google è una delle aziende che da più tempo si dedica alla sicurezza informatica, operando completamente online, ma da alcune informazioni presenti nella versione 55 del suo browser Google Chrome sembra che questo diventerà drastico, in futuro: in pratica, Chrome andrebbe a segnalare come pericolosi tutti i siti che utilizzano il protocollo http.

Una mossa molto importante, considerando che sono ancora tantissimi i siti, magari quelli non più aggiornati, che utilizzano il vecchio sistema.

Dobbiamo infatti considerare che Chrome identifica già come rischiose le pagine web che utilizzano il vecchio standard, ma lo fa in modo molto discreto di cui nemmeno voi vi sarete mai accorti: entrando nelle informazioni della pagina (una cosa che fanno in pochissimi) si viene a sapere della scarsa sicurezza del sito. Qui invece le cose cambierebbero, con una bella pagina rossa che segnala “Questo sito è pericoloso”, esattamente come quando entriamo su un sito segnalato per qualsiasi motivo; solo che qui si tratta solo di una mancanza di sicurezza.

Non sappiamo bene se questa misura, nella versione definitiva, riguarderà indistintamente tutti i siti o solamente quelli che richiedono dei dati personali (come una password), cosa che salverebbe da questo problema quantomeno i “siti-vetrina” non più aggiornati da anni. Anche perché ci sono pochi dubbi, se questa mossa diventasse operativa: gli utenti che usano Chrome, tra fisso e mobile, sono tantissimi, e una schermata rossa che avvisa che il sito non è sicuro fa demordere subito gli utenti che non si intendono minimamente di sicurezza informatica, c’è poco da fare.

Insomma, anche se non sappiamo quando questa cosa verrà fuori, diventando definitivamente operativa, è bene tutelarci come possiamo e fare in modo di non incorrere in una situazione del genere: per fortuna c’è un modo abbastanza semplice per trasformare il nostro sito da http ad https, e ve lo abbiamo spiegato in questo articolo, attraverso il quale potrete definitivamente dire addio al problema.

Fonte: mrhost.it